Carovigno

Castello Dentice di Frasso

Castello Dentice di Frasso

Sul punto più alto di Carovigno, a guardia del paese, sorge il Castello Dentice di Frasso che si sviluppa su pianta triangolare con possenti torrioni per ogni vertice. Di fondazione normanna il castello viene ampliato e fortificato tra il Quattrocento e il Cinquecento, riadattandolo alle nuove e diverse strategie d’attacco e difesa dettate dagli armamenti in uso in quelle epoche storiche. L’emblematico torrione a mandorla, posto sullo spigolo nord-est del castello venne costruito nel XVI secolo dai Loffreda, all’epoca feudatari di Carovigno. La torre risulta particolarmente interessante e si rifà all'influsso stilistico dell'architetto senese Francesco di Giorgio Martini, impegnato in questi anni a sopraintendere la costruzione delle piazzeforti di Taranto, Otranto, Gallipoli e Brindisi. Nel corso dei primi anni del ‘900 il castello sarà dimora della famiglia Dentice di Frasso che attuerà nuovi interventi di restauro, cercando di riportare l’antico maniero al suo aspetto originario, e deciderà di risiedervi al suo interno.
Oggi il Castello è sede della Biblioteca Comunale, del Consorzio di Gestione della Riserva Naturale dello Stato di Torre Guaceto e sarà presto sede di un Museo Archeologico Civico.